SORELLE

 

LA WEISSBIER DEI MONACI

Nel 1634 alcuni monaci italiani dell'ordine di San Francesco da Paola furono ospitati nel monastero di Neudeck, sul fiume Au, dove iniziarono a produrre una birra scura e forte, che secondo le loro intenzioni doveva essere "il pane" per sostenersi durante il periodo quaresimale. Ma il risultato raggiunto fu cos� eccellente che nel 1780 la Corte di Baviera concesse ai monaci di vendere la birra, avviando una vera e propria attivit�. Nacque cos� la Paulaner Brauerei. Oggi la pi� grande birreria di Monaco.

Delle molte specialit� della Paulaner Brauerei, questa Hefe-Weissbier si distingue per la facile bevibilit� e il piacevolissimo effetto dissetante. Il suo stile (weizen) � dichiarato a chiare lettere sull'etichetta: torbida naturale. Infatti i lieviti in sospensione la rendono ambrata e conferiscono riflessi tendenti al rosso al suo colore giallo paglierino.

Versandola nel Weizenebeker, l'apposito calice alto, Paulaner Hefe-Weissbier sprigiona una schiuma non troppo esuberante e dalla consistenza compatta. Una "barriera bianca" che non riesce a trattenere l�intensit� dell'aroma, composto da profumi freschi e floreali, con l�immancabile, forte nota di lievito. Assaporandola si coglie la deliziosa fragranza del grano (il tipico gusto del pane fresco e fragrante), ammorbidita da note di frutta matura. Nell'insieme, un sapore pieno, rotondo ed equilibrato.

Come gi� detto, Paulaner Hefe-Weissbier va servita alla temperatura di 8/9� C. e rigorosamente nel Weizenebeker. A tavola pu� essere abbinata tanto al pesce alla griglia che alle specialit� pi� tipicamente bavaresi. Un'idea? Provatela con le braciole affumicate di maiale. Una duplice delizia!

"i monaci della
Paulaner meritano
un posto d'onore
fra i grandi mastri
birrai della storia"


 

La Paulaner Brauerei vanta ben tre cambi di nome. Infatti i monaci ospitati nel monastero di Neudeck dettero il nome di Salvator alla loro birra. Ma l'esercito francese, comandato da Napoleone, quando invase la Baviera requis� la birreria per poi venderla ad un privato che la chiam� Paulaner-Salvator-Thomasbra�. In seguito sintetizzato in Paulaner Brauerei. Ci� che viceversa non � mai cambiato � il processo di birrificazione. Sempre tradizionale e sempre rispettoso dell'Editto sulla purezza della birra, il Reinheitsgebot, promulgato nel 1516.